Castelli

Castello Bonoris a Montichiari

Castello-Bonoris-Montichiari

Il Castello di Bonoris a Montichiari, si eleva sul colle di San Pancrazio, in provincia di Brescia. Costruito nel XIX secolo da una rocca dei barbari in rovina, conobbe il suo splendore grazie al Conte Gaetano Vittorio Bonoris che la trasformò in un’incantevole dimora dove trascorrere l’estate

Entrata-Castello-Bonoris

Cortile-Castello-Bonoris

Affidato il progetto iniziale all’architetto Antonio Tagliaferri deve accontentare le richieste fantasiose del Conte che ambisce all’edificazione di un maniero di arte medievale ma giovando anche delle tecnologie d’avanguardia come ad esempio l’installazione della funicolare. Il Maniero rappresenta uno stile neoeclettico e mantiene così il giusto connubio fra passato e  moderno. Il completamento dell’opera avvenne in 10 anni

Nato da una famiglia benestante, colto e grande viaggiatore, si arricchì grazie a varie proprietà terrene ed immobiliari. Sensibile e generoso con i più deboli, fu molto attivo in opere di beneficenza tanto che nel 1923, causa una polmonite, lasciò il suo patrimonio alla Congrega della Carità apostolica bresciana che si occupava di bambini orfani. La scelta di questo Ente non fu a caso: il Conte perse la madre alla tenera età tre anni.

Il Castello invece fu ereditato da suo cugino Ercole Soncini per poi cederlo al Centro Laico dei Sacerdoti in pensione

Conte-Gaetano-Bonoris-Castello
Conte Bonoris

INFO SUL CASTELLO BONORIS A MONTICHIARI

Il Maniero si trova in P.zza Santa Maria 36 e per raggiungerlo percorrete l’Autostrada A4 con uscita Brescia est direzione Montichiari. Nelle vicinanze della residenza si trovano parcheggi gratuiti (uno di questi vicino al Lidl in Via Papa Paolo VI)

Il Castello è aperto da aprile ad ottobre al sabato ore 15-19, domenica 10-12 e 15-19 con visita guidata a pagamento a 6€ che ho trovato molto preparata. Informazioni dettagliate al www.montichiarimusei.it

 Booking.com

Castello-Bonoris
Entrata Castello

CORTILE INTERNO

Dopo l’ingresso del Castello si trova il spettacolare cortile delimitato da due archi a sesto acuto del portico. Sopra gli otto gradini una bellissima immagine di S. Giorgio a cavallo che divide la loggetta ballatoio. Ornamentale il pozzo in marmo rosa di Verona

pozzo-cortile-Bonoris

SALA DELLE ARMI

Semplice, sobria, composta da spade ed armature proveniente da tornei e battute di caccia. Interessante il finto campanello d’allarme a catena collegato alle campane usato in caso di attacco del nemico

stanza-armi-Bonoris

SALA DA PRANZO o DEI GIULLARI

Questa bellissima stanza accoglie un spettacolare soffitto con travi e decorazioni di immagini di donne e cavalieri che richiamavano la campagna e un affresco rappresentanti dei conigli con la particolarità di un solo orecchio che indicava trinità e religione. Le dimensioni della sala sono minute, adatte ad una persona: il Conte non si era mai sposato e viveva con la servitù e il giardiniere

Sala-da-pranzo-Bonoris

SALA DELLE FIAMME

La sua bellezza sono sicuramente le pareti bianche e rosse a scarlioni che riproducono questo fantastico ciclo pittorico e le sedie medievali a tre gambe per regolare la seduta stessa del terreno

Sala-delle-fiamme

SALA VERDE o DEI LIBRI

Nominata camera verde per il colore presente nelle pareti e nel soffitto a cassettoni con elementi naturali. Spicca un regale seggio neogotico dove il padrone di casa amava leggere e rilassarsi. Purtroppo i libri non sono presenti a causa dei vari proprietari che se ne impossessarono

SALA REALE o DEI SAVOIA

E’ la stanza più preziosa del Castello per le pareti decorati in foglia d’argento e recanti lo stemma dei Savoia dai caratteri gotici con la scritta FERT (Fortitudo Eius Rhodum Tenuit che in latino significa “La sua forza preservò Rodi”). Il 29 marzo 1891 Gaetano Bonoris ottenne il titolo di Conte avendo ospitato il re Umberto I di Savoia e famiglia a seguito delle manovre militari. Fu così allestita una camera a lui dedicata ma mai completata

Carta-da-parati-stemma-Savoia
Carta da parati stemma Savoia

SALA DEL CONSIGLIO

Il soffitto a cassettoni con elementi naturali vi lascerà meravigliati accompagnato da una carrellata di personaggi disegnati alle pareti fra cui Carlo Magno, Re Artù e l’imponente Scena della Caccia

sala-consiglio-Bonoris

 CAMERA DA LETTO

Fu la camera dove riposava il Conte chiamata anche dei Leoni per i disegni dorati delle pareti che bevono a una fonte, simbolo  anche di forza. Era orientata a sud-ovest in modo che fosse raggiunta dal sole e quindi risultasse calda e luminosa. E’ presente un straordinario letto a baldacchino con intagliato l’Arcangelo Gabriele. Una leggenda narra che dormisse da seduto perché temeva di morire soffocato. Accanto si trova la stanzetta da bagno che accoglie un lavandino in ceramica incassato in un mobile neogotico

Letto-Castello-Bonoris

CAPPELLA

Le pareti della chiesetta sono decoratissime e rappresentano la Salita al Calvario con l’immagine del Cristo che cammina portando la pesante croce. Si innalza l’altare costruito dai Fratelli Arboletti e in un angolo nascosto si trova l’elegante cassaforte segreta dove il Conte Bonoris conservava le sue ricchezze

cappella-Bonoris

cassetta-segreta-Bonoris
cassetta segreta

Il Conte Bonoris in questa rocca che al suo mecenatismo e alla sua geniale concezione e direzione deve la sua rinascita dalle rovine del tempo solitario, visse e morì legando tutta la sua vasta sostanza a sollievo dell’infanzia sofferente

Se amate visitare i manieri vi consiglio il meraviglioso Castello del Thun a Trento immerso nella Valle Lagarina