Germania, Viaggi

Berlino in tre giorni fra i luoghi della memoria

Berlino-in-tre-giorni

Berlino è una città giovane, cosmopolita e piena di energia, innovatrice grazie alle nuove e futuristiche architetture creati da importanti ingegneri quali Renzo Piano, con un prestigioso patrimonio culturale ma anche con un passato triste e movimentato che vi accompagnerà attraverso i toccanti luoghi di memoria percorrendo il Muro di Berlino e i memoriali dell’Olocausto

un pezzo di muro in Potsdamer Platz

Come muoversi per la città

Per muoversi a Berlino con i mezzi pubblici, vi consiglio la Berlin City tour Card acquistata sul www.citytourcard.com e ritirata in uno dei Tourist info point dell’Aeroporto. La tessera dà diritto a utilizzare la metropolitana segnata con la “U” e i trenini in superficie “S” con sconti su 10 attrazioni fra cui la Torre della Televisione, il tour della città con City Circle scontati entrambi del 25% ma anche il giro in Barca sulla Sprea e altro ancora.

Ricordatevi che se atterrate a Schönefeld (Ryanair), la zona comprende anche la C quindi per tre giorni spenderete 24,90€ ed è valido per un adulto e per tre bimbi dai 6 ai 14 anni

City Tour card

Come raggiungere il centro di Berlino dall’Aeroporto Schönefeld

Ci sono varie opzioni per raggiungere il centro di Berlino dall’Aeroporto di Berlin-Schönefeld fra cui il trenino urbano S-Bahn con la linea color nocciola S45 e S9 o la metropolitana linea azzurra U7, a mio avviso più facile e veloce. Infatti ci ho impiegato circa mezz’ora per raggiungere il quartiere Mitte (fermata Stadmitte). In entrambi i casi dovrete prendere il bus 171 o l’ EspressBus X7 davanti alla sezione A dell’aeroporto.

Ryanair solitamente atterra nella sezione D quindi appena usciti, proseguite dritto (incontrerete un ristoro tutto in legno sulla sinistra) e in breve sarete nella zona principale (partenze). Il bus X7 fermerà solo a Rudow, anche il 171 ma in più potete scendere alla prima fermata in corrispondenza della stazione ferroviaria Berlin-Schonefeld Flughafen o continuare fino ad Hermannplatz

Bus 171 fermate

Cosa vedere a Berlino in tre giorni

 

Checkpoint Charlie era il valico di frontiera che divideva il settore americano da quello sovietico costruito nel 1961 fino al 1990 e che permetteva il passaggio di diplomatici e militari. Il Cartello con la scritta “You are now leaving the American Sector” era simbolo politico della divisione della città ovvero l’Ovest e l’Est, la libertà e l’oppressione. Con 3€ ci si puo’ scattare una foto ricordo con le guardie

La guardiola originale del Checkpoint fu abbattuta dopo la riunificazione tedesca ma all’Allierten Museum  sono conservate la prima porta e l’ultima cabina installata assieme alle pietre che delimitavano il confine. Inoltre è esposto il velivolo Hastings TG 503, una motrice francese che faceva collegamenti da Berlino-Tegel a Strasburgo e una sezione chiamata Little America che testimonia, col oltre 200 foto, la vita professionale e privata degli americani

Una piccola curiosità: la costruzione dove risiede il Museo era, in realtà, un teatro costruito nel 1952 dove proiettavano film. L’entrata è completamente gratuita. Si trova in Clayallee 135. Fermata Oskar Helen Heim, linea U3. Non perdetevelo assolutamente!

Andate al Cafè Adler, ora Einstein Kaffee, all’angolo fra la ZimmerstraBe e Friedrichstrabe,  diventato famoso perché qui  si incontravano le spie e giornalisti. All’interno trovate tantissime foto di quel periodo

Alexanderplatz è la famosa piazza nel centro storico ed era nato come mercato di vendita animali e il nome fu cambiato per onorare lo Zar Alessandro I nel 1805. Accoglie numerosi grattacieli, edifici  fra cui il Fernsehturm, la fontana dell’ Amicizia dei popoli e monumenti come Urania Weltzeituhr l’orologio  che segna il tempo del mondo. Nel 1982, Franco Battiato dedicò ad Alexanderplatz questi versi:

…sai che d’inverno si vive bene come di Primavera! Si si proprio così…Alexander Platz Aufwiederseen…faccio quattro passi a piedi fino alla frontiera

 

La Torre della Televisione, Fernsehturm è alta 368 m e fu eretta nel 1969 per dimostrare l’enorme sviluppo tecnologico raggiungo dalla Repubblica Tedesca e rendere l’edificio più alto di tutta Europa. Nel 2006 fu coperto di argento e modificata in un enorme pallone per la ricorrenza dei Mondiali di calcio. Per raggiungerla si trova l’ascensore che in 40 secondi ti porta al punto panoramico situato a 204 m di altezza.  Sono allestite 60 finestre di osservazione con le spiegazioni delle attrazioni principali di Berlino. E’ attrezzato di un angolo bar e la torre ruota tutto intorno ad ogni ora. Per prenotare www.tv-turm.de al prezzo di €15.50 ma se presentate alla casse la Berlin City tour card sarà 11.63€.

Dopo aver acquistato il biglietto di entrata si avrà un’attesa di circa mezz’ora per la mola di visitatori. Vi consiglio, se venite in estate, un bel ventaglio e acqua fresca perchè la hall è priva di aria condizionata

Fernsehturm
Paesaggio dalla Torre Tv

Brandenburger Tor, la Porta di Brandeburgo, in stile neoclassico è diventata il simbolo di Berlino dopo l’abbattimento del muro. E’ alta circa 26 m con cinque piccole accessi ed è stata incaricata  dal re Federico Guglielmo II di Prussia in nome della pace. In alto si innalza una grande scultura che rappresenta una dea Greca che traina un carro di  cavalli con un’aquila. La struttura ha un’assomiglianza con l’ingresso ai Propilei di Atene

Vicino alla Porta si apre il Tiergarten, una vasta area boscosa di 21 ettari, un luogo dove passeggiare, andare in bici e rilassarsi. Accoglie il memoriale per i soldati sovietici Sowjetisches Ehrenmal e la Colonna della Vittoria il Siegssaule , il Castello di Bellevue

East Side Gallery è quel che rimane del muro originale della. E’ lungo 1,3 km ed è ricoperto da straordinari graffiti da vari artisti che parlano di pace e libertà. I disegni sono circa 106 ed iniziarono a vedersi nel 1990. Quelli considerati più famosi sono il Bacio fra il presidente della Repubblica Tedesca E. Honecker e il presidente del partito comunista L. Breznev con la scritta : Signore! Aiutami a sopravvivere in questo amore letale. Si posiziona in Muhlenstrasse  fermata del metrò Warschauser Strabe. Si può notare il ponte Oberbaumbrucke sul fiume Sprea che nel 1961 è stato un passaggio fra Berlino Est e Ovest.

Il-bacio-Berlino

Memoriale dell’Olocausto è il museo per gli Ebrei assassinati d’Europa costruito per commemorare le vittime dell’esecuzione tedesca. Sono state costruite 2711 lastre di calcestruzzo di diversa altezza e disposte in modo da sembrare piccole tombe. L’opera si innalza, approssimativamente, sopra il bunker dove Hitler si sarebbe suicidato e dove ora è esposto il museo. L’ ingresso è aperto e libero, a pochi passi dalla Porta di Brandeburgo.

L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria.

Primo Levi

Potsdamer Platz è il fulcro ultramoderno di strutture che accolgono la Sony Center ricoperta da una maestosa copertura sorretta da cavi d’acciaio che cambia colore con il mutare del tempo. Ospita il Cinestar Imax, tantissimi bar e ristoranti, il Besheim Centre con il super centro commerciale Arkaden e il Daimler Chrysler dove potete salire, in pochi secondi, sul grattacielo Kollhoff di 25 piani dove la veduta sul Panoramapunkt è spettacolare e un sapore unico con le torte al Panoramacafè.  E’ aperto tutti i giorni al prezzo di 7.50€

Gendarmenmarkt è una maestosa piazza che accoglie il Deutscher Dom  (duomo tedesco) il Franzosischer Dom (duomo francese) e la Konzerthaus (sala dei concerti). Risalente al 1688 è ora un luogo d’incontro dove sorseggiare un drink e rilassarsi. E’ anche utilizzata per eventi e mercatini natalizi

Franzosischer Dom

Berlin Spreepark era un parco di divertimento nel quartiere di Planterwald aperto nel 1969 dalla DDR  e nel 1991 gestito dal giostraio Norbert Witte che attirava quasi 2 milioni di visitatori all’anno. Purtroppo, dopo la chiusura avvenuta nel 2002, a causa degli elevati costi di rimodernamento è finito in decadimento e stato di abbandono ma proprio per questa sua caratteristica di degrado lo ha reso un luogo magico, curioso. Le visite vengono svolte il sabato, domenica, e giorni festivi per la durata di 90 minuti al prezzo di 5€. Prenotazioni www.guen-berlin.de

Spreepark

Dove e cosa mangiare a Berlino

Non si può andare a Berlino e non assaggiare la specialità della città:  il currywurstuna salsiccia fritta ricoperta di ketchup e curry contornato da patatine. Il Ristorante Maximilian’s, in Friedrichstrabe 185 zona Mitte, offe questo e tantissimi altri piatti bavaresi, fiumi di ottima birra serviti dai camerieri in abiti tipici. L’ambiente è veramente piacevole a prezzi medi. Consigliatissimo

Currywurst

Un altro posticino dove ho gustato della carne squisita è il Brauhaus Georgbraeu in Spreeufer 4, vicino al Museo Nikolaikirche. Il locale è affacciato sul fiume Sprea circondato da fiori e piante. All’interno invece è allestito da poster anni ’90 di vari cantanti. A mezzogiorno preparano un piattone accompagnato da patate con verdure e birra a € 12.20

Nota: nei ristoranti una bottiglia di acqua ha un costo alto (6.50€) mentre nelle fornerie, oltre a trovare panini freschi, i prezzi sono più contenuti. Per chi ama il Bio in Mitte, Friedrichstrabe 191, c’è il market Alnatura dove trovate prodotti naturali e cosmesi (Santè, Lavera, Benecos) a importi più bassi

A Berlino nulla resta più visibile di ciò che si cerca di cancellare

J.B. Merian