Italia, Viaggi

Cosa vedere a Montagnana: città murata

Cosa-vedere-a-Montagnana

Montagnana è una piccola e distinta cittadina della provincia di Padova nel Veneto. E’ stata inserita nell’associazione dei Borghi più belli d’Italia grazie alla sua cinta medievale carrarese lunga ben due km. E’ attorniata da merlature guelfe alte quasi 8 metri e da 24 torri che venivano utilizzati per difendersi dal nemico in caso di attacco. La straordinaria muraglia racchiude il centro storico  nascondendo piccoli gioielli che andremo a scoprire

Entrata Porta Legnago

Come arrivare a Montagnana

Si raggiunge attraverso l’Austrada Padova-Bologna con uscita Monselice o la Transpolesana Verona-Rovigo uscita Legnano. Montagnana ha la stazione ferroviaria con una camminata a piedi di 10 minuti

Cosa vedere a Montagnana

Abbiamo iniziato l’escursione attraverso la Rocca degli Alberi costruita nel 1360, da Francesco il Vecchio Da Carrara come rafforzamento della mura occidentale. I suoi archi la rendono particolare e molto suggestiva.  Attraversando il ponte si entra in Porta Legnago e poco dopo sulla vostra destra trovate l’Ospedale della Natività rappresentata dalla Madonna della Misericordia che dava ospitalità ai pellegrini e cure mediche alle persone bisognose

Rocca degli Alberi

Sul lato sinistro appare una struttura dell’ottocento, il Cinema Branzo che conteneva circa 650 posti ma purtroppo è stato chiuso negli anni ’70 per mancanza di fondi a fronte di nuovi adeguamenti normativi

Passeggiando lungo Giacomo Matteotti alzate lo sguardo per incrociare il bellissimo Palazzo Magnavin-Foratti del XV secolo di archittettura gotica-veneziana. Era la residenza di Giacoma da Leonessa, moglie del capitano della Repubblica Veneta, Erasmo da Nardi

A questo punto siete arrivati in Piazza vittorio Emanuele dove si affacciano il Duomo di S.Maria Assunta con facciata tardo gotico, edificato dal 1431 al 1502 e che conserva affreschi importanti, segue il Palazzo della Loggia del 1877 e Palazzo Valeri in stile medioevale (ora Cassa di Risparmio)

Palazzo-Montagnana

Sotto i portici di Via Carrarese potete sostare in una delle tante caffetterie e assaggiare i tipici biscotti di Montagnana come i Zaeti, morbidi con farina gialla di mais e uvetta. Vi posso consigliare la Pasticceria Cuccato per deliziarvi di specialità freschissime! E perché non assaggiare il tipico prosciutto dal sapore dolcissimo? A tal proposito non perdetevi Montagnana in festa  che si svolge a fine maggio. Viene organizzata sotto un grande padiglione con circa 1000 posti a sedere dove si preparano degustazioni del Prosciutto Veneto Berico Dop. Una vera tentazione del gusto e piacere del palato!

Zaeti

Procedendo in fondo al Vialone si innalza il Castel San Zeno e il Mastio di Ezzellino alto 40 m dove la vista panoramica è spettacolare. Ora la struttura accoglie l’Ente turistico, la Biblioteca, il Museo Civico e una sezione che ospita gli abiti indossati di due tenori celebri di Montagnana

Attraversando la Porta Padova si incontra Villa Pisani, una bellissima dimora del XV secolo di Francesco Pisani che fece costruire dal famoso architetto Andrea Palladio, amico del committente. Il palazzo è a due piani: quello superiore per gli appartamenti padronali mentre la parte inferiore era utilizzata per incontri d’affari

Villa-Pisani-Montagnana

Eventi di Montagnana

ANTIQUARIATO

La terza domenica di ogni mese (eccetto i mesi estivi) si svolge il mercatino dell’antiquariato con quasi  100 espositori che espongono oggetti di ogni tipo dalle valigie in cuoio a reperti della guerra mondiale ma anche orecchini, collane, lampade e libri. L’ultima volta ho acquistato una fantastica specchiera anni ’50. Sono accompagnati anche da banchetti di prodotti artigianali

VISITE GUIDATE

Nella stessa domenica si svolge la visita guidata della città sulle meraviglie della città. Visita www.montagnanamurabilia.it

PALIO DEI 10 COMUNI

Primo weekend di settembre si svolge il Palio dei dieci Comuni di Montagnana per commemorare gli eventi del medioevo che consistevano nella sfilata di  dame con cavalieri, sbandieratori  e di  un’emozionante gara a cavallo. Era formata da dieci fantini che si contendono il Pallium, un drappo impreziosito da importanti artisti

Mercatino Antiquariato

La leggenda della Mantella Rossa

Nel 1200 gli Scaligeri decisero di invadere la città di Montagnana e quando arrivò la notizia, in un giorno di mercato, le Corporazioni si riunirono per decidere come difendersi dall’assedio. Il fossato venne riempito d’acqua, si attrezzarono di viveri e chiesero rinforzi ai Da Carrara di Padova. Per ingannare il nemico, furono allestiti, lungo il camminamento, fantocci ricoperti di mantelle rosse e tutti gli abitanti comprese donne e bimbi indossarono giubbe dello stesso colore. Quando all’alba l’esercito veronese vide, incredulo, il gran battaglione scambiandolo per veri soldati, indietreggiò. Grazie a quel  stratagemma la cittadina scampò al pericolo e festeggiò per un’intera settimana

Vi consiglio di visitare anche il bellissimo Castello di Soave