Viaggi

Organizzare un viaggio in Giordania fai da te

viaggio-in-Giordania-fai-da-te

Quando si vuole intraprendere un viaggio in Medio Oriente sorge spontaneo farsi determinate domande. Le stesse che mi sono posta io prima di lanciarmi in questa nuova avventura: “E’ un luogo sicuro? Posso viaggiare da sola? oppure “In che modo mi sposto da una città all’altra? Non preoccupatevi, con i giusti consigli e chiarimenti sarà tutto più facile e realizzabile. La Giordania catturerà la vostra anima e non la dimenticherete mai più. Io me ne sono perdutamente innamorata!

I love Petra

QUANDO PARTIRE PER LA GIORDANIA

Il periodo più adatto per andare in Giordania è la primavera che coincide con marzo fino a maggio e l’inizio dell’autunno da settembre ad ottobre quando le giornate raggiungono i 16°-24°. Se prenotate una notte nel deserto premunitevi di indumenti più caldi perchè le temperature possono andare sotto zero. L’estate, a mio avviso,  è sconsigliata per il caldo eccessivo.

Ho scelto di partire a marzo non solo per il clima mite (la sera però il vento è fresco quindi mettete in valigia una bella giacchetta) ma anche per le  tariffe agevolate che Ryanair ha inserito da Bergamo per Amman. Infatti il volo costava € 80  a/r comprese delle spese del bagaglio a mano (12€). Non male, vero?

COSA INDOSSARE

Per rispettare la cultura musulmana l’abbigliamento da indossare deve essere sobrio, leggero soprattutto di lino o cotone con pantaloni lunghi, anche i jeans in marzo sono ottimali. Non mettete maglie scollate, trasparenti e se potete munitevi di un foulard/copricapo. Io ho comprato due kefiah di cui uno rosso e bianco che rappresenta la Giordania.

Sono utili le scarpe da ginnastica ed indispensabili i scarponcini da trekking per Petra: alla Decathlon ne trovate di tutti i tipi anche a 15€ e sono confortevoli. Se andate al “Sacrificio” in Wadi Musa, dove si apre una spettacolare veduta e ci si arriva con una bella scarpinata tutta in salita, saranno veramente essenziali. Munitevi di cappello e burracacao (tre giorni di labbra secchissime)

Ricordatevi di idratarvi molto, bere più acqua possibile  e assumere integratori di sali minerali o fermenti per evitare problemi di stomaco. Il cibo giordano è estremamente piccante, gustoso ma speziato e della nostra amata carbonara o dell’espresso nemmeno l’ombra (forse il nescafè in qualche ristoro). Dopotutto è importante essere aperti ed apprezzare nuove culture anche culinarie

Wadirum
Deserto

SICUREZZA PERSONALE

La Giordania è un Paese sicuro e il popolo ha un grande senso dell’ospitalità verso il turista: sarete accolti con estrema gentilezza e una tazza di tea tipico. Se vi vedranno in difficoltà si avvicineranno e vi aiuteranno come se foste un caro vecchio amico. Ho visto anche ragazze che viaggiavano da sole e in totale tranquillità

Per una maggiore tutela vi posso esortare a registrare il vostro itinerario alla Farnesina ww.dovesiamonelmondo.it in modo da essere rintracciati ed eventualmente assistiti in caso di pericolo. Per determinati viaggi scelgo questo accorgimento anche se vi rassicuro che è uno Stato amichevole, senza conflitti. Se avete bisogno di andare in Ambasciata Italiana si trova ad Amman – quartiere Jabel Al Weibdeh in Hafiz Ibrahim Street 5/7

Tea-Giordano-Petra
Tea offerto a Petra
ELETTRICITA’-FUSO ORARIO-MONETA

La corrente elettrica è a 220V 50hz come in Italia e nonostante avessi l’adattatore a tre fori (inglese) non lo mai utilizzato nemmeno nel deserto dove avevano tutti i possibili comfort. Da non credere!!

La Giordania è un’ora avanti rispetto al nostro Stato italiano

La valuta è il dinaro abbreviato in jod o jd suddiviso in 1000fil. Esistono tagli da 50jod, 20jod, 10jod, 5jd e 1jod. Una moneta da 1 jod equivale in questo momento a € 1,24 e 5 jod a 6,21€ circa. Nei vari hotel sicuramente il cambio sarà maggiore e vi troverete addebitati qualche jod in più

Moneta-Giordania
5 Jod

JORDAN PASS E VISTO D’INGRESSO

Il Jordan pass è una card sconto che dà il diritto di accedere liberamente e senza perdere tempo a monumenti, attrazioni  mostrandolo all’ingresso di ogni sito archeologico fra cui la cittadella di Amman, Petra, Wadi Rum ectt.

Se dimenticate il cartaceo potete esebire anche la prenotazione online. Ad Amman non ho avuto nessun tipo di disguido. Include anche il Visto d’Ingresso con almeno tre pernottamenti consecutivi in Giordania che in caso non foste muniti, si dovrebbe pagare 40jd.  E’ disponibile tre tipi di pass da prenotare in www.jordanpass.com

–  Jordan Wanderer  al costo di 70 jd (€ 86 circa+piccola tassa online) con un ingresso a Petra, free entry a più di quaranta attrazioni ed annullamento visto

– Jordan Explorer al costo di 76 jd € 92 circa con due ingressi a Petra, (se per esempio desiderate visitare Petra by Night illuminata da più di mille candele), free entry a più di quaranta attrazioni ed annullamento visto

–  Jordan Expert al costo di 80 Jd  € 97 circa con tre ingressi a Petra, free entry a più di quaranta attrazioni ed annullamento visto

Per chi arriva da Aqaba, posizionata in una zona economica speciale (ASEZ), il visto è gratuito ed è valido per trenta giorni

Jordan-Pass

COME MUOVERSI IN GIORDANIA

Per attraversare la Giordania ci sono varie soluzioni:

1) Noleggiare un’auto per potersi spostare velocemente e in autonomia. In aeroporto ci sono tantissime compagnie fra cui la Thrifty (utilizzata da vari amici), Sixt, Dollar, Europcar. Prenotate sul sito www.rentalcars.com. Le strade sono affidabili e le indicazioni sono anche in inglese. Amman però è molto trafficata e i giordani guidano e ti sorpassano come se fossero al Gran Premio della F1

I percorsi fuori dalla Capitale invece sono scorrevoli, fluidi con poche auto. La polizia vi chiederà il passaporto ma nemmeno lo controllerà. L’unica preoccupazione è che in caso d’incidente con un pedone la colpa ricade sull’automobilista e si può essere trattenuti dalle Autorità

2) Autobus molto economici, comodi, con toilet anche se sono poco serviti come orari. Potete utilizzare la linea di trasporti JETT come ho fatto anch’io. Tratta Amman (Stazione Tabarbor o Abdali) – Petra a 11 jd alle 6.30am (unico orario) e da Aqaba per Amman per 8,60 jd. Informazioni su www.jett.com.jo

3) Driver/guida personale che vi accompagnerà per tutto l’intero viaggio. Per una settimana potreste spendere circa 400-500jd. Fattibile se siete in quattro. Contrattate sempre sul prezzo

4) Taxista tramite le strutture ricettive che organizzano visite, itinerari e trasporti per le varie destinazioni. Organizzatevi la sera prima in reception e l’indomani il driver vi aspetterà puntuale per portarvi dove desiderate a prezzi abbastanza modici. Per arrivare nel deserto da Petra, il driver mi ha chiesto 35jd. Vi lascio il suo recapito in caso ne aveste bisogno

Driver-Giordania
Emad
Assicurazione

Fare un’assicurazione sanitaria è molto importante e sceglierne una che ci protegge è fondamentale in caso di ricovero. Solitamente quando intraprendo viaggi importanti mi affido ad Allianz Global Assistance. Scelgo la formula Globy Rosso che copre le malattie pregresse ed ha il rimborso diretto delle spese ospedaliere con nessuna franchigia. Ha la durata di 35 gg e la considero la migliore in assoluto perché mi tutela completamente

Durante una vacanza ci possono essere tanti piccoli imprevisti quindi meglio essere previdenti e salvaguardarsi spendendo anche qualcosa in più. La mia polizza è stata di 66€ a testa e si attiva solamente in agenzia (per le altre anche online)

La vostra vacanza sarà indimenticabile sia per la bellezza del luogo che vi ruberà il cuore sia per una buona pianificazione preparata in precedenza. Buon Viaggio.

Visitate anche la coloratissima Marrakech