Italia, Viaggi

Verona: arte e amore

Verona è una bellissima città, la mia di città. La immagino, una donna elegante ed aristocratica che passeggia per le vie del centro. Ricca di arte e storia, è circondata da Palazzi e Chiese antiche. Governata dalla famiglia degli Scaligeri dal 1262 al 1387 era di forte espansione, ne sono testimonianza il Castello di Soave, il Castello di Malcesine e Valeggio sul Mincio. Rappresentata dall’Arena, di favolosa architettura, è anche simbolo dell’Amore grazie all’opera shakespeariana “Giuletta e Romeo”

Paesaggio-Verona

L’itinerario della bella Verona comincia, attraversando i due archi dove risiede un antico orologio del 1871 per poi entrare nella grande piazza principale chiamata Brà (breit=largo) dove sul Liston si estendono vari ristoranti e caffetterie.

Orologio-Verona

Piazza-Brà

Imponente e gloriosa è l’Arena, bellissimo anfiteatro in calcare rosato dove si attuavano combattimenti fra gladiatori. Oggi vengono ospitate le opere liriche di Verdi, Puccini ma anche concerti e festival. Per informazioni www.arena.it. In estate, nel piazzale, troverete delle fantastiche scenografie dei vari spettacoli dell’Aida o Traviata.

Arena

Scenografia-Opera-Verona

Sceneggiature-Opere-Vr

In Piazza Brà risiede la Gran Guardia, una struttura rinascimentale di cui è stata rimodernata la facciata principale e dove vengono svolti vari eventi fra cui importanti mostre d’arte. Nel ‘600, fu luogo militare, utilizzato per le esercitazioni, in caso di cattive condizioni atmosfere

Booking.com

Dall’altro lato si trova Palazzo Barbieri, ovvero la sede del Comune di Verona, edificio neoclassico con facciata a colonne corinzie e  grande scalinata.

Comune-Verona

Percorrendo Via Roma (vicino all’orologio) vi consiglio di visitare il museo di Castel Vecchio dove sono conservate preziosi gioielli, la spada di Cangrande I e varie opere d’arte di Mantegna e Pisanello. Attraversate il meraviglioso Ponte scaligero. Questo è uno dei luoghi che mi affascina di più fin da bambina. La struttura, con mura merlate e torri, era stata innalzata dalla famiglia Della Scala  per difendersi dalle rivolte popolari e nemici esterni.

Castel-Vecchio

L’Arco dei Gavi, situato vicino a Castel Vecchio, invece è un monumento funerario della grande famiglia dei Gavi, costruito nel I. secolo d.c.

Arco-dei-Gavi

Ritornando in Piazza Brà, dirigetevi in Via Mazzini, centro nevralgico di shopping, noterete una panchina a forma di cuore che formano le lettere iniziali di Giulietta e Romeo. Non perdetevi una foto ricordo della scultura.

Statua-Cuore-Verona

Alla fine della Via, a destra in Via Cappello 23  si trova la casa dell’amata risalente al XII secolo, dove migliaia di turisti accorrono per visitare la statua bronzea di Giulietta: la leggenda narra che toccando il suo seno porterebbe Fortuna. Un angolo del cortile è riempito da lucchetti colorati con inciso i nomi degli innamorati che sono passati da qui. Il luogo, fu anche visitato da tanti personaggi importanti fra cui lo scrittore Charles Dickens

Balcone-Giulietta

Statua-Giulietta-Verona
Statua di Giulietta

Se invece vi dirigete a sinistra di Via Mazzini, vi sorprenderà il mercato di Piazza Erbe con mille souvenir della città, un tempo punto nevralgico della vita politica. Rinfrescatevi con un “ pieno di frutta”!

Piazza-Erbe

frutta-Verona

Vicino alla fontana della Madonna, sorgono le Case Mazzanti, appartenute alla famiglia della Scala, abbelliti da coloratissimi affreschi del ‘500 che simboleggiano scene mitologiche.

Case-Mazzanti-Verona

Domus Mercatorum o Casa dei Mercanti, era il punto d’incontro commerciale dove i mercanti si incontravano per discutere sulla vita economica di Verona. Ora sede di una Banca.

Casa-dei-Mercanti-Verona

Se invece, alzate lo sguardo vedrete la Torre del Gardello, uno dei punti più elevati della città, con i suoi 44 m di altezza. Chiamata anche Torre delle Ore  perché vi fu disposto il primo orologio a campana.

Torre-Gardello-Verona
Torre Gardello e Fontana della Madonna

Non dimenticatevi Piazza Dante, dedicata al sommo poeta, che arrivò a Verona, per la prima volta nel 1304 accolto con cordialità da Bartolomeo della Scala  a cui gli dedicò il canto XVII del Paradiso:

Lo primo tuo refugio e ‘l primo ostello, sarà la cortesia del gran Lombardo, che ‘n su la scala porta il santo uccello, ch ‘in te avrà si benigno riguardo, che del fare e del chieder, tra voi due, fia primo quel che, tra li altri, è più tardo

Piazza-Dante-Verona

Salite la Torre dei Lamberti, con i suoi  368 scalini e alta 84 metri dove godrete di  un panorama unico e spettacolare. Vi consiglio di prendere l’ascensore, non per pigrizia (io le ho percorse tutte) ma perché non ci sono aperture verso l’esterno, se non minuscole finestrelle con rete. Poi proseguite a piedi per catturare tutta la bellezza di Verona.  Ricordatevi: la grande campana suona ad ogni mezz’ora!

Torre-Lamberti

Rampe-Torre-Lamberti

Paesaggio-Torre

Campana-Torre-Lamberti

Con il biglietto d’entrata di 8€ è inclusa anche la visita del Palazzo della Ragione che ospita la Galleria d’Arte Moderna. Vi segnalo l’ambiente più importante e ricco dove vengono anche svolte cerimonie nuziali: La cappella dei Notai risalente al 1400 impreziosito dalle bellissime tele dei pittori veronesi Marchesini, Canziani, Bellotti. Una meraviglia!

Palazzo-Ragione-Vr

Straordinarie sono le Arche Scaligere dove sono conservate le tombe monumentali di Cangrande I, sorretto da cani che portano gli stemmi della famiglia, di Mastino II protetta da angeli e di Cansignorio, circondata da statue guerrieri. L’entrata è di 1€

Arche-Scaligere-Verona

Ritornando in Piazza Erbe, in fondo a destra trovate C.so Anastasia dove si incontra la Basilica di S. Anastasia, la più grande della città che conserva l’affresco di Pisanello “San Giorgio e la Principessa”. L’entrata è di 2.50. Accanto sorge la anche Chiesa sconsacrata di S.Pietro Martire.

Basilica-S.Anastasia

Dalla Chiesa di S. Anastasia, si raggiunge velocemente il suggestivo Ponte Pietra, uno dei più antichi della città, risalente al I secolo a.c. dove il panorama è eccezionale! Il quartiere è molto pittoresco, ne rimarrete affascinati: ci sono tante botteghe e ristorantini tipici. Gustatevi da Alcova di Là uno dei gelati più buoni della zona!

Ponte-Pietra

Zona-Ponte-Pietra
Zona Ponte Pietra

Affacciato al fiume Adige si eleva il Teatro Romano che in passato, venne utilizzato per rappresentazioni di commedie e tragedie come nell’Antica Grecia. Ora ospita il Festival Shakespeariano.

Teatro-Romano-Verona

Molto interessante è il Museo Archeologico dove sono conservate mosaici, sculture decorative, statue vestite a corazza e bronzetti che abbellivano le case delle famiglie abbienti. Mi ha colpito molto la piccola sfinge che faceva da chiusura alle file dei sedili per i personaggi illustri e il Plastico del ‘700 dell’Arena durante le “Caccie ai Tori”.

Mosaico
Mosaico Dio Bacco
Plastico-Arena
Plastico

Raggiungete la Grande Terrazza dove ammirare Verona ma anche i resti dell’ epoca romana come le colonne con particolari decorazioni. Prezzo entrata € 4.50

Scavi-Romani

Teatro-Shakespeare

Dopo 73 anni dalla sua chiusura, causa seconda guerra mondiale, con grande entusiasmo di noi veronesi, nel giugno 2017 è stata inaugurata la Funicolare a Castel San Pietro che collega Santo Stefano. La cabina può portare fino a 25 passeggeri con una fermata al Parco del Teatro Romano. La lunghezza del tragitto è di circa 159 m con un dislivello di 54 m. Salendo vi innamorerete dell’ incantevole Verona e della sua bellezza. Il biglietto è di 2€ a/r con orari estivi 11-21

Cabina-Funicolare-Verona

Discesa-Funicolare-Verona
Panorama dall’alto

Charles Dickens scriveva:

Deliziosa Verona!

Con i suoi bei palazzi antichi  e l’incantevole campagna  vista in distanza da sentieri praticabili  e da solide gallerie con balaustra, Con i suoi tranquilli ponti romani che tracciano la retta via illuminando, nell’odierna luce solare, con tonalità antiche di secoli. Con le chiese marmoree, le alti torri, la ricca architettura che si affaccia sulle antiche e quiete strade nelle quali riecheggiavano le grida dei Montecchi e dei Capuleti.                                                               

Se hai trovato questo post interessante, lasciami un commento. Grazie mille!!